top of page

Come curare le ragadi al seno - 5 rimedi

L’allattamento al seno è consigliato e raccomandato a tutte le mamme che vogliono garantire il miglior nutrimento possibile al loro figlio.


Oggi più che mai si insiste con tanta informazione sui benefici dell’allattamento, ma purtroppo meno di una mamma su 3 riesce ad allattare esclusivamente, come consiglia l’organizzazione mondiale della sanità.


Una delle difficoltà che le neo mamme incontrano sono i dolorosi ragadi al seno, causati dall’allattamento. In questo articolo troverete 5 rimedi per superare il problema e continuare l’allattamento, ispirati dalla mia esperienza con la mia prima figlia.


Ecco i 5 step da seguire


  1. Salviette per pulire e nutrire la pelle

  2. Coppette d’argento

  3. Crema al lanolin

  4. Paracappezzoli in silicone

  5. Tiralatte


Salviette


Dopo ogni poppata, il seno dovrebbe essere lavato delicatamente con sola acqua. Come avrete già scoperto, se state allattando, non sempre è possibile trovare questi 2 minuti, specialmente se siete a casa da sole con il vostro neonato. La mamma si trova con il piccolo che si è addormentato e non lo vuole svegliare, lo deve tenere in braccio per il ruttino oppure deve allattare dall’altra parte perché piange ancora.

Quando il seno è sano, non è un problema rimandare il lavaggio per un pò. Ma quando ci sono i ragadi, solamente la saliva del bambino provoca dolore. Ecco perchè suggerisco di prepararsi un angolo dell’allargamento o portare con se una cesta con tutto quello che serve e mettere sottomano le salviette.

Ho trovato e provato questo prodotto che mi è piaciuto davvero. Delicato per la pulizia e arrichito con VITAMINA E e GLICERINA. Essendo sviluppato dalla Chicco, mi sono fidata che sia effettivamente sicuro per il mio bambino.





Coppette d’argento


Una volta igeneizzato il seno, sarebbe raccomandato lasciarlo un pochino libero. Quando arriva il momento di rivestirsi, l'ideale sarebbe avere a contatto con i cappezzoli iper delicati una superficie liscia e che non provoca fastidio. Io ho scoperto questo prodotto fantastico, che assicura il contatto con una superficie liscia e non contaminata - le coppette d'argento. Le coppette o paracapezzoli d'argento sono dei dispositivi, che come suggerisce il nome, sono delle piccole coppettine ricoperte o fatte interamente di argento. Le proprietà antibatteriche e disinfettanti dell’argento curano la pelle stressata del capezzolo che si richiude in modo naturale.


Inoltre, mentre usate la crema, che trovate come prossimo step, sono ancora più utili, perchè non permettono al reggiseno di assorbirla.


Si possono usare per molto tempo, anche per i figli successivi a distanza di tempo, perche non si possono rovinare. Alla fine potrete anche regalarle a qualche mamma quando voi avete finito.


Fanno davvero la differenza!



Crema al lanolin


Alla fine di ogni poppatta, dopo che il seno sia stato pulito, si potrebbe mettere una crema, che velocizza la guarigione. In commercio ne troverete tante e non tutte funzionano nello stesso modo. Io mi sono trovata molto bene con le creme spesse a base di lanolin, che forniscono uno strato che non si assorbe subito e da sollievo a lungo. Vi suggerisco questo kit, che arriva con tre tubetti di piccola dimensione, che potete mettere strategicamente in diversi punti della casa o tenere in borsa. Le quantità che servono sono piccole, quindi bastano tubetti di piccole dimensioni.



In aggiunta, avevo anche provato un prodotto che tantissime mamme raccomandano - Olio Veo. Questo prodotto è sempre una scpecie di crema, che pero contiene vitamina E e non da la stessa sensazione di protezione, quindi lo usavo in alternanza o prima dell'altra crema a base di lanolin.


Paracapezzoli in silicone

Nel caso di una situazione di ragadi molto dolorosi, che non riescono a guarire nel giro di pochi giorni, suggerisco di considerare i paracapezzoli in silicone.

Cosa sono i paracapezzoli in silicone?

I paracapezzoli in silicone sono dei dispositivi in silicone molto sottile, che svolgono due principali funzioni:

1. creano una barriera tra la pelle della mamma e la bocca del bambino, e quindi la pelle si irrita meno

2. hanno una forma ideale per facilitare la suzione del neonato

Sono consigliati i paracapezzoli in silicone e perche?

Generalmente le ostettriche e puericultrici li sconsigliano, perchè nei primi giorni post parto si cerca di stimolare l'attacco naturale del bambino e perche l'attacco senza paracapezzoli garantisce una stimolazione della produzione migliore.

Dalla mia esperienza con la prima figlia, i paracapezzoli sono assolutamente salva -allattamento nei casi in cui il neonato non si riesce attaccare bene e quando i dolori del seno sono molto forti.

Poi la mamma è libera di provare ad ogni poppata a non utilizzarli e pian piano dismettere l'uso.



Tiralatte elettrico


Se siete alle prese con i ragadi, probabilmente vi state chiedendo se vale la pena proseguire con l'allattamento, se potrete resistere al dolore e quanto durerà.

L'allattamento al seno è fortemente raccomandato perche è provato che porta svariati benefici al neonato. Inoltre, l'allattamento al seno è anche molto più comodo e conveniente dell'allattamento con latte artificiale, quindi conviene assolutamente impegnarsi e superare la prima fase di dolore.

Il tiralatte elettrico è un grande alleato a chi vorrebbe allattare bene e a lungo. Nelle prime settimane aiuta ad avviare la produzione di latte e nei casi in cui il neonato si attacca male al seno e di conseguenza rimane affamento e insoddisfatto, quindi piange, potrebbe essere un grande aiuto per risolvere due problemi in contemporanea. Con il tiralatte riuscite a stimolare la produzione di latte, e stimolate la formazione di un capezzolo comodo per la bocca del bambino. Il bambino prende il latte, cresce e si rafforza.

Se continuate ad attacarlo al seno tutte le volte e a offrire il latte estratto solamente 1 o due volte al giorno, riuscirete ad ottenere con il tempo una regolarizzazione.

In più, il vostro piccolo sarà da subito abbituato a prendere il latte in entrambi modi, lasciando la mamma più libera negli spostamenti e più tranquilla quando vorrà tornare al lavoro.






Ragadi al seno: conclusioni


I ragadi al seno sono una condizione comune che molte neo mamme incontrano. Sono a volte davvero dolorose e possono permanere per molto tempo in quanto la pelle viene continuamente sottoposta a stress.

Seguendo le indicazioni di questo articolo è possibile ridurre il tempo necessario per la guariggione dei ragadi al seno con pochi accorgimenti.

  • Facebook
  • Pinterest
  • Instagram
Seguimi qui
  • Facebook
  • Pinterest
  • Instagram
Ciao!

Io sono Mira

DSC_0406.JPG

Sono una mamma, manager e multitasker. vuoi conoscermi meglio, fai click!

Ciao!

POST RECENTI

Grazie!

bottom of page